Dove andrà la crypto-economy dopo il Covid-19?

“At the start of 2020, over 5,100 crypto-assets exist with a total market capitalisation exceeding $250 billion”.

Inizia così un recente studio dell’Unione Euoropea sui cryptoassets (https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/STUD/2020/648779/IPOL_STU(2020)648779_EN.pdf) che permette di paragonare l’intera crypto-economy al valore che aveva Google nel 2012 (https://www.repubblica.it/economia/finanza/2012/10/01/news/google_supera_microsoft_in_borsa_vale_quasi_250_miliardi_di_dollari-43659632/). 

Sappiamo com’è andata da quel lato: il valore di Alphabet, la holding che controlla Google, è cresciuto di quattro volte in 8 anni, raggiungendo il miliardo di dollari di capitalizzazione  (https://www.agi.it/economia/alphabet_google_mille_miliardi_capitalizzazione-6898406/news/2020-01-16/). Succederà lo stesso anche alla cryptoeconomy? Già solo per il fatto che si discuta così tanto di cryptoassets, stablecoin e CBDC (affronteremo questi temi in futuri post dedicati), si spera proprio di sì!

Ma partiamo dall’inizio. 

Per il Parlamento Europeo è un crypto-assets “una risorsa digitale privata che: a) è registrato su una forma di un libro mastro digitale distribuito e protetto con crittografia; b) non è emesso né garantito da una banca centrale o autorità pubblica; c) può essere utilizzato come mezzo di scambio e/o a fini di investimento e/o per accedere a beni o servizi”. 

C’è da dire poi che i cryptoassets sono costituiti da due beni/prodotti: 

  • le cryptocurrencies; 
  • i token.

Le cryptovalute come Bitcoin e Litecoin sono quelle crypto progettate o destinate a svolgere il ruolo di valuta, o a fungere come mezzo di scambio. 

I token offrono invece ai loro possessori determinati elementi economici e/o governance e/o diritti di utilità/consumo. Come sappiamo, i token vengono emessi su una piattaforma o blockchain esistente per raccogliere capitali per nuovi progetti imprenditoriali o per finanziare startup o lo sviluppo di nuovi servizi tecnologicamente innovativi. 

Al di là dunque dei CBDC, la tassonomia dei crypto-assets è ben spiegata nel panello qui sotto: 

Ad oggi, dati recenti mostrano come il crypto-mercato sia dominato ancora dai Bitcoin (BTC), con una capitalizzazione superiore al 60% dell’intera crypto-economy (pari a 159 miliardi di dollari). Monete che aumentano la privacy (come Monero e Dash) sarebbero invece calate, restando comunque tra le principali 20 utilizzate. 

In un recente articolo del (https://decrypt.co/24437/crypto-economy-surprisingly-resilient-to-coronavirus-crisis) è poi sostenuto come, nonostante i tassi di disoccupazione record raggiunti a causa della pandemia COVID-19, l‘industria delle cryptovalute sembri resistere, con posti di lavoro dedicati alla blockchain e alla produzione e vendita di token in aumento. 

Naturalmente non è tutto rosa e fiori. In un recente video (https://www.youtube.com/watch?v=QuvC0BWkfTo&feature=youtu.be), Charles Hoskinson di Cardano (ADA)  ha chiarito come la pandemia Covid possa portare a una potenziale depressione a livello globale, influenzando il settore di blockchain e crypto al punto da portarli alla sua fine. Ma questa è la visione negativa e pessimistica, perché – dall’altra parte -, è ancora Hoskinson che chiarisce come, a suo avviso, in 5 anni vedremo un cambiamento epocale in cui useremo le crypto-valute nella vita di tutti i giorni. 

Entra inConfidence! Confidence è una società che, attraverso un approccio investigativo e orientato all’intelligence, vuole vederci chiaro guardando da vicino e in modo approfondito tutti i progetti che si candidano a raccogliere fondi.

Segui Confidence sui maggiori social per rimanere sempre aggiornato su tematiche e contenuti del mondo della blockchain!

#Staysafejoinconfidence

Questo sito utilizza cookie tecnici funzionali all’esperienza di navigazione e cookie di terze parti. Per maggiori informazioni sui cookie utilizzati da questo sito e/o negare il Suo consenso alla loro installazione, La invitiamo a prendere visione della cookie policy del sito. La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un suo elemento (ad esempio cliccando su un’immagine o un link) comporta la prestazione del consenso all’uso dei suddetti cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close